Segariu e i segni della storia

pubblicato in: Senza categoria | 0
Share

di Giorgio Valdès Il nuraghe S.Antonio di Segariu, situato a breve distanza dal centro abitato, “ è stato oggetto di numerose campagne di scavo archeologico, a cui si deve la raggiunta leggibilità delle strutture e la conferma del complesso riutilizzo subìto dall’area nel corso dei secoli. Eretto in blocchi calcarei e marnacei, il nuraghe presenta un impianto planimetrico quadrilobato, con torre centrale e quattro torri esterne orientate ai punti cardinali. Il settore orientale a ridosso del nuraghe, e parte dei suoi settori interni, hanno restituito evidenti testimonianze di un ampio e interessante insediamento di fase tardo-punica”. Così si legge nel sito del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Vorrei aggiungere che nei pressi del nuraghe, sicuramente meritevole di un’accurata campagna di scavo, vista l’importanza e “maestosità” del complesso, si nota una struttura il cui profilo planimetrico, evidenziato dalla freccia rossa, parrebbe indicare la presenza di una tomba di giganti. Si tratta ovviamente di una semplice ipotesi che andrebbe verificata attraverso un’indagine più accurata in loco. E’ altrettanto interessante la presenza, in prossimità del nuraghe, della chiesetta omonima, realizzata sopra un pozzo sacro probabilmente coevo all’insediamento nuragico. Tale circostanza potrebbe interpretarsi come espressione di continuità tra culture differenti, poichè l’acqua, il cui culto era tipico del nuragico, riveste come noto un ruolo primario anche nella religione cristiana, essendo addirittura considerata, nell’antico che nel nuovo testamento, come un segno dello spirito divino. Potrebbe tuttavia sostenersi anche l’esatto contrario, nel senso che l’edificazione della chiesa di S.Antonio sopra il pozzo sacro potrebbe interpretarsi come volontà di prevaricazione di preesistenti culti “pagani”. E’ tuttavia altrettanto ragionevole un’ipotesi “laica”, nel senso che le strutture murarie del pozzo avrebbero potuto teoricamente costituire (ma non ho elementi a sostegno di quest’ultima ipotesi), una base d’appoggio comoda per l’edificazione della chiesa, o di una sua parte.