Arciere

140) ARCIERE CON ARCO A SPALLA (E SPADA) Nome: arciere con arco a spalla e spada Dimensioni: altezza residua 18,8 cm Aspetto e vestiario: L'arciere è raffigurato in piedi, con la mano sinistra impugna l'arco pesante tenendolo appoggiato sulla spalla, con la mano destra impugnava molto probabilmente una spada. L'arciere porta sul capo un elmetto a due corte creste e corna brevi rivolte in avanti, indossa una doppia tunica coperta nella parte superiore da un corsaletto. Dalle spalle - dice Lilliu - pendono due bande frangiate e sul dorso sono visibili gli anelli orizzontali nei quali probabilmente si infilava la lunga asta direzionale. La corazza è decorata nella zona superiore con striature orizzontali parallele, nelle due zone sottostanti con incisioni verticali affiancate. Gli altri elementi di protezione che completano il corredo da combattimento del guerriero sono: - goliera - gambiere (già viste in molti bronzetti) divise in due pezzi sul davanti - un elemento insolito: sotto la goliera si nota un risalto a lingua non diverso da quella borchia cuoriforme del guerriero di Sant'Anna Arresi in cui lo Spano riconosceva una "culla" talismanica.... o forse - dice Lilliu- trattasi di un semplice fermaglio degli spallacci alla corazza Nel volto notiamo il noto stilismo a T di sopracciglia e naso, gli occhi sono a globetto scontornato, la mascella ha un taglio squadrato e le orecchie a disco (orecchie "enormi, mostruose" dice Lilliu). Luogo di ritrovamento: Suelli (CA), località sconosciuta Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: rotta la corda dell'arco, parte delle gambe e la spada sopra l'elsa; piedi mancanti. Curiosità: 1) non si notano in questo bronzetto due elementi fondamentali che spesso troviamo negli arcieri: placca rettangolare di protezione portata sul petto e il pugnaletto ad elsa gammata 2) Lilliu definisce questa statuina di "rozzissima modellazione", la si potrebbe ritenere un abbozzo o una prima prova di una figurina da perfezionare (per diventare poi come il guerriero di Sant'Anna Arresi). 3) In questo bronzetto sono visibili gli anelli dove probabilmente era inserita la la cosiddetta "asta direzionale" già vista nel bronzetto schedato sulla nostra pagina col numero 129). Il significato di questo oggetto non è ancora chiaro, questa la possibile ipotesi riportata da Lilliu: "Una grande penna triangolare, tutta striata, di lamina metallica o di sottile cuoio o anche di piume stesse che serviva a imprimere e mantenere la giusta direzione dell'arma nel tragitto, prima di colpire l'oggetto". Per Lilliu quindi l'asta era un'arma è la penna serviva per dirigere il lancio. Altre ipotesi che appaiono comunque convincenti sono le seguenti: asta che serviva ad indicare la posizione esatta dell'arciere al resto dell'esercito oppure serviva per inviare segnalazioni agli altri schieramenti. 4) Quando Lilliu schedò e fotografò il bronzetto, esso appariva differente rispetto ad oggi ....... cosa notate di diverso? ? Fotografie del bronzetto di F. Cannas dalla pagina Fb Archeologia della Sardegna Descrizione e immagini tratte da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO
Comune:
Prov:
Autore:
Menu