DONNA OFFERENTE

144) DONNA OFFERENTE Nome: donna offerente Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza 18,5 cm Aspetto e vestiario: la donna raffigurata in piedi e frontalmente, con la mano destra alzata porge il consueto saluto devozionale, con la mano sinistra regge l'offerta votiva: una ciotola emisferica contenente quattro oggetti con forma sferica, forse focacce o frutti. La figura femminile indossa: - un velo sul capo che, scendendo sulle spalle, lascia scoperti sulla fronte i capelli, distinti da una scriminatura mediana - una tunica attillata e senza maniche, sobria ed elegante, che si avvolge intorno al corpo con un lembo aperto sul fianco sinistro e fermato sulla spalla forse tramite una fibula; - una cintura sui fianchi segnata con tratteggio verticale - una sottoveste con l'orlo a pieghe verticali lunga sino ai piedi nudi - un mantello rigido sulle spalle che riquadra la figura come un fondale e cade dalle spalle fino all'altezza della balza della sottoveste; sul manto notiamo un lembo verticale che accentua la struttura filiforme del corpo e un "manipolo pieghettato a fini rigature che trattiene presso il gomito sinistro il mantello" dice Lilliu " simile a quello delle frange, a striature sottili, applicate sul dorso del mantello portato dal Capotribù di Uta". Il capo ha forma cilindrica, squadrata e allungata; si nota lo schema a T delle sopracciglia scolpite con intaccature oblique e del naso, gli occhi oblunghi scavati all'intorno, la bocca "ottenuta con taglio curvo da cui sporge il labbro inferiore". Il collo appare tozzo, grosso e sproporzionato rispetto al corpo esile, forse per sottolineare la forza MATRIARCALE e la solennità del personaggio. Luogo di ritrovamento: Sardegna, località sconosciuta Residenza attuale: Museo delle Antichità di Torino Segni particolari: Il bronzetto poggia ancora sul sostegno a tre piedi che di solito veniva incastrato, tramite piombatura, sulla tavola delle offerte. Andrea Loddo però, che si occupa di archeologia sperimentale, ha notato che i tre canali di colaggio della figurina sono privi di piombo, quindi questo prova che il bronzetto non è stato mai posizionato su altare litico, con grappa di piombo e fissato eternamente sugli altari o sulle pietre menir, come al santuario di Serri. Curiosità: Lilliu nota una fortissima somiglianza tra questo bronzetto femminile e altri bronzetti maschili: 1) ai Capotribù, in particolare quello di Abini-Teti, per la forma squadrata della testa e il taglio marcato delle sopracciglia, la forma del manto 2) al guerriero con scudo trovato ad Aidomaggiore, loc. Tuvàmini per il taglio del volto: schema a T, fattezze della bocca, occhi oblunghi Per Lilliu questa figura femminile potrebbe essere "l'altra metà" dei Capitribù: se questi infatti erano Re, Notabili, (Sacerdoti?)... le belle e solenni immagini di donne con manto in posa ieratica potrebbero essere le loro mogli, ovvero signore di notabili .....oppure Sacerdotesse, perchè no? ? NOTA: Questo bronzetto, insieme ad altri 6 è esposto a Torino. "Nel 1840 Alberto della Marmora fece scoprire al Piemonte la preistoria sarda con un libro (Voyage en Sardaigne) e una serie di oggetti per le collezioni reali: soprattutto le armi e le figurine votive in bronzo diventano da allora elementi ricercati per raccolte museali" (dal pannello esplicativo del museo delle Antichità - Torino) Fotografie di B. Auguadro Descrizione tratta da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO
Comune:
Prov:
Autore:
Menu