Risultati della ricerca


#immagini: 66

Pozzo sacro Sant’Antonio
Il Pozzo sacro di Sant'Antonio si trova all'interno della omonima Chiesa romanica posta a Nord-Est di Segariu. Si può accedere attraverso una botola posta nel pavimento della chiesa. Dopo aver persorso un corridoio di circa tre metri si giunge ai 5 gradini che scendono verso la camera con volta a Tholos. Osservando la chiesa dall'esterno, si nota che il primo circolo di pietre dell'abside è composto da pietre della stessa tipologia del pozzo quasi a voler indicare la netta sovraposizione dell'abside della chiesa con la camera interna del pozzo.
Pozzo sacro Sant’Antonio
Il Pozzo sacro di Sant'Antonio si trova all'interno della omonima Chiesa romanica posta a Nord-Est di Segariu. Si può accedere attraverso una botola posta nel pavimento della chiesa. Dopo aver persorso un corridoio di circa tre metri si giunge ai 5 gradini che scendono verso la camera con volta a Tholos. Osservando la chiesa dall'esterno, si nota che il primo circolo di pietre dell'abside è composto da pietre della stessa tipologia del pozzo quasi a voler indicare la netta sovraposizione dell'abside della chiesa con la camera interna del pozzo.
Pozzo sacro Sant’Antonio
Il Pozzo sacro di Sant'Antonio si trova all'interno della omonima Chiesa romanica posta a Nord-Est di Segariu. Si può accedere attraverso una botola posta nel pavimento della chiesa. Dopo aver persorso un corridoio di circa tre metri si giunge ai 5 gradini che scendono verso la camera con volta a Tholos. Osservando la chiesa dall'esterno, si nota che il primo circolo di pietre dell'abside è composto da pietre della stessa tipologia del pozzo quasi a voler indicare la netta sovraposizione dell'abside della chiesa con la camera interna del pozzo.
Pozzo sacro Sant’Antonio
Il Pozzo sacro di Sant'Antonio si trova all'interno della omonima Chiesa romanica posta a Nord-Est di Segariu. Si può accedere attraverso una botola posta nel pavimento della chiesa. Dopo aver persorso un corridoio di circa tre metri si giunge ai 5 gradini che scendono verso la camera con volta a Tholos. Osservando la chiesa dall'esterno, si nota che il primo circolo di pietre dell'abside è composto da pietre della stessa tipologia del pozzo quasi a voler indicare la netta sovraposizione dell'abside della chiesa con la camera interna del pozzo.
Pozzo sacro Sant’Antonio
Il Pozzo sacro di Sant'Antonio si trova all'interno della omonima Chiesa romanica posta a Nord-Est di Segariu. Si può accedere attraverso una botola posta nel pavimento della chiesa. Dopo aver persorso un corridoio di circa tre metri si giunge ai 5 gradini che scendono verso la camera con volta a Tholos. Osservando la chiesa dall'esterno, si nota che il primo circolo di pietre dell'abside è composto da pietre della stessa tipologia del pozzo quasi a voler indicare la netta sovraposizione dell'abside della chiesa con la camera interna del pozzo.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Pozzo Sacro Serra Niedda
Il sito archeologico è stato rinvenuto nel 1985, del tutto casualmente, durante i lavori di spietramento per l’impianto di una vigna. Le indagini, proseguite sino al 1988, hanno permesso di individuare il nucleo principale del santuario, composto dal pozzo sacro, da una rotonda che caratterizza una parte del grande edificio in opera isodoma e due costruzioni a forma cilindrica, interpretabili come altare.
Menu