Risultati della ricerca


#immagini: 66

Complesso nuragico di Cuccuru Mudeju
Si presenta con capanne rituali circolari, dove sono evidenziati, lungo tutta la circonferenza interna, dei sedili. Numerosissimi conci parallelepipedi di basalto e tufo trachitico a T popolano l'intero sito; essi sono perfettamente lavorati e rifiniti. In un flashback improvviso ciò mi riporta ad altri santuari sardi, come, per esempio, Gremanu (a Fonni), Serra Niedda (a Sorso) e Santa Vittoria (a Serri); appare chiaro, per l'appunto, che il tipo di pietra usata (basalto e tufo trachitico) e la foggia dei conci risulti simile in tutti i santuari nuragici sparsi nell'intera isola. Questo di Nughedu San Nicolò rimane, però, unico nel suo genere, grazie alla testimonianza scultorea giunta sino a noi dalla notte dei tempi e custodita nel locale museo. Trattasi di una elegantissima e raffinata testa bovina in trachite "nera" che, ancora una volta, ci testimonia non solo l'abile maestria degli scalpellini del passato, ma anche la devozione di questo nostro popolo al dio Toro
Complesso nuragico di Cuccuru Mudeju
Si presenta con capanne rituali circolari, dove sono evidenziati, lungo tutta la circonferenza interna, dei sedili. Numerosissimi conci parallelepipedi di basalto e tufo trachitico a T popolano l'intero sito; essi sono perfettamente lavorati e rifiniti. In un flashback improvviso ciò mi riporta ad altri santuari sardi, come, per esempio, Gremanu (a Fonni), Serra Niedda (a Sorso) e Santa Vittoria (a Serri); appare chiaro, per l'appunto, che il tipo di pietra usata (basalto e tufo trachitico) e la foggia dei conci risulti simile in tutti i santuari nuragici sparsi nell'intera isola. Questo di Nughedu San Nicolò rimane, però, unico nel suo genere, grazie alla testimonianza scultorea giunta sino a noi dalla notte dei tempi e custodita nel locale museo. Trattasi di una elegantissima e raffinata testa bovina in trachite "nera" che, ancora una volta, ci testimonia non solo l'abile maestria degli scalpellini del passato, ma anche la devozione di questo nostro popolo al dio Toro
Complesso nuragico di Cuccuru Mudeju
Si presenta con capanne rituali circolari, dove sono evidenziati, lungo tutta la circonferenza interna, dei sedili. Numerosissimi conci parallelepipedi di basalto e tufo trachitico a T popolano l'intero sito; essi sono perfettamente lavorati e rifiniti. In un flashback improvviso ciò mi riporta ad altri santuari sardi, come, per esempio, Gremanu (a Fonni), Serra Niedda (a Sorso) e Santa Vittoria (a Serri); appare chiaro, per l'appunto, che il tipo di pietra usata (basalto e tufo trachitico) e la foggia dei conci risulti simile in tutti i santuari nuragici sparsi nell'intera isola. Questo di Nughedu San Nicolò rimane, però, unico nel suo genere, grazie alla testimonianza scultorea giunta sino a noi dalla notte dei tempi e custodita nel locale museo. Trattasi di una elegantissima e raffinata testa bovina in trachite "nera" che, ancora una volta, ci testimonia non solo l'abile maestria degli scalpellini del passato, ma anche la devozione di questo nostro popolo al dio Toro
GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE)
134) GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE) Nome: guerriero con lancia e ariete (o muflone) Professione: guerriero Dimensioni: da verificare Aspetto e vestiario: Guerriero con elmo cornuto a calotta, scudo sulle spalle, nella mano sinistra impugna una lancia e una corda con cui trattiene un animale, probabilmente un ariete o un muflone. Con la mano destra porge il saluto devozionale. L'uomo sembra indossare una tripla tunica e un corto gonnellino (oppure una lunga tunica con tre balse e parte inferiore frangiata) e degli schinieri. Luogo di ritrovamento: santuario nuragico di Serra Niedda - Sorso Residenza attuale: da verificare Curiosità: Riportiamo l'interessante ipotesi di alcuni appassionati che vedono raffigurata in questo bronzetto una vera e propria tecnica di guerra: il guerriero nuragico sarebbe infatti equipaggiato con ariete o montone al guinzaglio per un motivo ben preciso. ? "Lo storico Claudio Eliana confermò che gli elefanti si spaventano a morte quando sentono il verso del maiale ma anche dei montoni" http://www.vanillamagazine.it/i-maiali-infuocati-da-guerra…/ Immagine a colori dal web; immagini in bianco e nero di S. Flore tratta dal Bullettino Archeologico Informazioni e curiosità di G. Exana, prese da pagina fb "Testimonianze e creatività della Sardegna"
Comune:
Prov:
Autore:
GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE)
134) GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE) Nome: guerriero con lancia e ariete (o muflone) Professione: guerriero Dimensioni: da verificare Aspetto e vestiario: Guerriero con elmo cornuto a calotta, scudo sulle spalle, nella mano sinistra impugna una lancia e una corda con cui trattiene un animale, probabilmente un ariete o un muflone. Con la mano destra porge il saluto devozionale. L'uomo sembra indossare una tripla tunica e un corto gonnellino (oppure una lunga tunica con tre balse e parte inferiore frangiata) e degli schinieri. Luogo di ritrovamento: santuario nuragico di Serra Niedda - Sorso Residenza attuale: da verificare Curiosità: Riportiamo l'interessante ipotesi di alcuni appassionati che vedono raffigurata in questo bronzetto una vera e propria tecnica di guerra: il guerriero nuragico sarebbe infatti equipaggiato con ariete o montone al guinzaglio per un motivo ben preciso. ? "Lo storico Claudio Eliana confermò che gli elefanti si spaventano a morte quando sentono il verso del maiale ma anche dei montoni" http://www.vanillamagazine.it/i-maiali-infuocati-da-guerra…/ Immagine a colori dal web; immagini in bianco e nero di S. Flore tratta dal Bullettino Archeologico Informazioni e curiosità di G. Exana, prese da pagina fb "Testimonianze e creatività della Sardegna"
Comune:
Prov:
Autore:
GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE)
134) GUERRIERO CON LANCIA E ARIETE (O MUFLONE) Nome: guerriero con lancia e ariete (o muflone) Professione: guerriero Dimensioni: da verificare Aspetto e vestiario: Guerriero con elmo cornuto a calotta, scudo sulle spalle, nella mano sinistra impugna una lancia e una corda con cui trattiene un animale, probabilmente un ariete o un muflone. Con la mano destra porge il saluto devozionale. L'uomo sembra indossare una tripla tunica e un corto gonnellino (oppure una lunga tunica con tre balse e parte inferiore frangiata) e degli schinieri. Luogo di ritrovamento: santuario nuragico di Serra Niedda - Sorso Residenza attuale: da verificare Curiosità: Riportiamo l'interessante ipotesi di alcuni appassionati che vedono raffigurata in questo bronzetto una vera e propria tecnica di guerra: il guerriero nuragico sarebbe infatti equipaggiato con ariete o montone al guinzaglio per un motivo ben preciso. ? "Lo storico Claudio Eliana confermò che gli elefanti si spaventano a morte quando sentono il verso del maiale ma anche dei montoni" http://www.vanillamagazine.it/i-maiali-infuocati-da-guerra…/ Immagine a colori dal web; immagini in bianco e nero di S. Flore tratta dal Bullettino Archeologico Informazioni e curiosità di G. Exana, prese da pagina fb "Testimonianze e creatività della Sardegna"
Comune:
Prov:
Autore:
Menu