S’Omu ‘e sa nii, Villasalto

pubblicato in: Escursioni, Storytelling | 0
Share

 

di Giovanni Usai

Ciao amici di Nurnet !
In seguito alla nevicata di ieri notte ho visitato il sito de “s’omu de sa nii” in cima al monte Genis ( 980 m s.l.m ), Villasalto. Impossibile non notare questi grandi pozzi dal diametro di circa 6 metri. Vorrei sapere : sapete a che epoca risalgono?

received_10203029023361939received_10203029021961904

avete mai visto pozzi simili in giro per la Sardegna ? Per cosa venivano utilizzati?
Un amico tempo fa mi disse che venivano utilizzati per la raccolta della neve che dopo essersi sciolta formava un abbondante riserva d’acqua, ma anche lui non è certo dell’attendibilità di questa informazione.
Sarei grato se riusciste a darmi qualche informazione in più, grazie ! 🙂

received_10203029028042056
Ciao Nurnet! Vorrei riportarvi quel che ho trovato riguardo al sito de “sa dom’e sa nii” nel libro : “Villasalto Capitale dei popoli Scapitani” di Paolo Pattarozzi.
A quota 770 metri circa, nel massiccio del Monte Genis, vi è un’altura denominata “Sa dom’e sa nii” (la casa della neve) forse perché, nel periodo invernale, la neve vi cade abbondante e vi persiste. È un luogo suggestivo ricco di reperti archeologici emergenti dal sottosuolo che il tempo e l’incoscienza umana hanno reso quasi indecifrabili. È possibile comunque stabilire che si tratta di forme circolari di diametri diversi […] Il vano interrato del “tempio a pozzo” venne sfruttato, sino a prima della guerra del 1940-45, come “niera”, cioè come deposito di neve per tutta la stagione invernale e veniva raccolta, aromatizzata e trasformata in una sorta di gelato “Sa Carapigna” venduta nelle sagre paesane. [..] Per quel che riguarda l’altura del Monte Genis con la sua buca di età nuragica non si sa se il toponimo che la distingue: “Sa dom’e sa nii” derivi dalla presenza del reperto archeologico sfruttato come “niera” o dalla grande quantità di neve che ogni inverno vi si accumula.

Quello in foto penso sia il reperto rimasto più integro, appena il tempo me lo permetterà tornerò a visitare il sito e vi invierò altre foto. Ciao!
Giovanni Usai