Nuraghi e spiagge 1

postato in: Senza categoria | 0

di Giorgio Valdès Da una ricerca effettuata diversi anni orsono sull’intera cartografia IGM -quindi ripresa dall’amico Pierluigi Montalbano nel suo blog (cfr. link a margine)-, si era potuto appurare come tutti o quasi i nuraghi presenti in Sardegna fossero allineati a gruppi mai inferiori a tre; delineando così una sorta di pianificazione territoriale con diverse, presumibili finalità, compresa la possibilità di orientarsi in un territorio che a quei tempi doveva essere densamente boscato ma soprattutto quella di controllo … Leggi tutto

La grotta dei Colombi

postato in: Senza categoria | 0

A Cagliari, la frequentazione del promontorio di S.Elia si fa risalire al neolitico recente (VI-V millennio a.C.), con i primi ritrovamenti di indizi di vita preistorica nella Grotta di S.Elia, come la collana in conchiglia e osso rinvenuta nel corso degli scavi realizzati da Enrico Atzeni, e nelle Stazioni all’aperto della Sella del Diavolo o Marina Piccola (A.Taramelli). Al neolitico medio (IV millennio a.C.) risale invece il ritrovamento di un vaso biansato presso la grotta del Bagno Penale. … Leggi tutto

Nella terra dei metalli 2

postato in: Senza categoria | 0

di Giorgio Valdès Da un po’ di tempo sta prendendo corpo l’ipotesi, assolutamente ragionevole, che Tartesso, la biblica terra dei metalli, potesse identificarsi con la Sardegna o quantomeno fosse collocata nella nostra isola. https://it.wikipedia.org/wiki/Tartesso Vorrei quindi fornire il mio contributo a tale ipotesi, riproponendo le considerazioni contenute in una piccola ricerca da me effettuata circa 12 anni orsono, integrando il precedente articolo pubblicato su questo sito. Da allora avrei dovuto aggiornarne il contenuto, ma non l’ho fatto per … Leggi tutto

La biblica terra dei metalli

postato in: Senza categoria | 0

di Giorgio Valdès Mi è capitato tra le mani un vecchio articolo in cui si parlava della ricerca di Tartesso, la biblica terra dei metalli, nel territorio circostante la città spagnola di Cadice. Una ricerca che aveva coinvolto anche le Università di Huelva e quella americana di Hartford, oltre ad un nutrito stuolo di studiosi pluridisciplinari. Ma la Tartesso iberica non mi ha mai convinto e quindi, qui di seguito, reitererò alcune brevi considerazioni a sostegno della mia … Leggi tutto

Su i legami tra gli Eraclidi e la Sardegna

di Valeria Putzu Nella conferenza tenuta lo scorso Venerdí 11 Febbraio per il circolo Honebu con il Professor Montalbano, mi sono soffermata particolarmente sulla stele di Almadén de la Plata, che raffigura due persone, un guerriero con spada, scudo tondo e elmo cornuto e un secondo personaggio con copricapo piumato. Secondo lo studioso locale Sanjuan, questa stele sarebbe una rappresentazione dei “gemelli divini”. Questa interpretazione é per me molto importante, soprattutto perché troviamo associata la figura dei gemelli … Leggi tutto

LE PROTOMI BOVINE, FORSE DI PROVENIENZA SARDA, DI SON CORRÓ A COSTIX, MAIORCA.

di Valeria Putzu Un breve intervento per ripresentarvi a un anno di distanza dal mio primo articolo fatto insieme a Gerolamo Exana, i reperti rinvenuti a Mallorca. Si tratta di 3 teste bronzee, due tori e una probabile giovenca ritrovati nel 1894 nel tempio talayotico di Son Corró a Mallorca, nel comune di Costix (sono conosciuti come i tori di Costix), di dimensioni superiori alla scala reale (la testa piú grande misura 77 x 74 cm.). Lo scavo … Leggi tutto

DAMNATIO MEMORIAE, CAPPELLI E DISCRIMINAZIONE

Marco Chilosi   Alcuni bronzetti nuragici, notissimi, raffigurano figure femminili o maschili che indossano un copricapo di foggia singolare: un cappello conico, con punta spesso pronunciata, con falda di ampiezza variabile. Viene generalmente associato a funzioni rilevanti: di persone che esercitano funzioni sacre, sacerdotali, guaritrici, magiche, o sciamaniche.  Ma da dove deriva questa convinzione? Certamente non possediamo “documenti” che confermino questi assunti. Possiamo analizzare però il “contesto” delle raffigurazioni, catalogando sistematicamente i particolari comuni o frequenti nelle raffigurazioni. … Leggi tutto

IL PROPRIO INNO. “S’accas ‘andas a Turinu Inie basare dès A su ministru sos pes E a atter su… già m’intendes”

di Francesco Masia http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_422_20190909110517.pdf; questo il link al testo integrale dell’inno e all’esaustiva versione in Italiano (in prosa) che l’accompagna. Il Prof. Luciano Carta, già docente di storia e filosofia nelle scuole superiori, nella serie di Videolina “40° PARALLELO” (l’avevamo già “apparecchiata” qui: https://www.nurnet.net/blog/storia-della-sardegna-e-dei-sardi/?) ha appena discusso sul peso del feudalesimo nel XVIII secolo, sulle rivolte popolari contro l’insostenibile pressione fiscale, sull’appello degli Stamenti sardi al re (a Torino, per il riconoscimento di maggiori diritti per la Sardegna) … Leggi tutto

La prima fonte di vita

postato in: Senza categoria | 0

di Giorgio Valdès Il profilo planimetrico del tempio a pozzo di Santa Cristina, a Paulilatino, che secondo un’affascinante ed altrettanto ragionevole interpretazione simboleggia una vulva, intesa come fonte di vita, si ripete in altri monumenti connessi al culto dell’acqua, come nei pozzi sacri di Santa Vittoria a Serri e Coni a Nuragus, in quello di Funtana Coberta, a Ballao, e persino nella planimetria del così detto Nuraghe Sisini, sito nell’omonima frazione di Senorbì, che in realtà potrebbe rivelarsi … Leggi tutto

Herakles & co.

di Giorgio Valdès La mitologia è spesso esorcizzata dai cultori della “scientificità” ad ogni costo. Tuttavia, se diversi illustri archeologi si sono cimentati nel racconto delle fatiche d’Ercole (cfr. libretto “L’Isola di Herakles”), proprio basandoci su una delle sue “fatiche”, ci permettiamo di proporre la genealogia di alcuni altri personaggi mitologici (una serena riflessione su quanto segue è sicuramente consigliabile). Proprio nel libretto sopra richiamato, dove si descrivevano ampiamente le fatiche del forzuto eroe, è compreso il capitolo … Leggi tutto

1 2 3 4 78