II NURAGHI DI OROSEI di a.g.

pubblicato in: Senza categoria | 0
Share

Già nel 2009 il colto blogger Marco Camedda lanciò l’appello "Salviamo i nuraghi di Orosei". Infatti questo ricco paese della Baronia ha visto crescere sia il turismo che altre attività industriali ma non si è mai curato granché della tutela del proprio patrimonio archeologico. "L’unico nuraghe bene tenuto e noto fra quelli che ha Orosei si trova in un terreno ben curato, recintanto da un muro a secco e facilmente raggiungibile nelle vicinanze anche in auto. Il nuraghe di Golunie è ubicato in un terreno di proprietà della famiglia Guiso (antichi Baroni) esattamnete al confine fra il territorio di Orosei e Dorgali, in zona Cala Osalla e si affaccia sia verso la spiaggia della Marina nella zona del secondo molo di Osalla (Orosei) che verso la spiaggia omonima (Dorgali). Il panorama che si può ammirare dal Nuraghe Golunie è superbo perchè domina tutta la spiaggia della Marina di Orosei e le sue zone umide come lo stagno diAvallè-Su Petrosu e la pineta e stagno di Su Barone. Orosei ha nel suo patrimonio archeologico altri numerosi nuraghi,(alcuni  ancora in discrete condizioni) che spero possano essere classificati e censiti al più presto e sopratutto salvati da interventi che li consegnino alla conoscenza dei più per poter essere vistati e apprezzati." (Camedda) Tra questi vi è il nuraghe Linnarta con il suo pozzo sacro, di profondo fascino e unico nel suo genere.  Immagine di neroargento – Pozzo sacro Sa Linnarta – Orosei   Ma tanti sono i nuraghi distrutti e in stato di abbandono.  Infatti nell’ottobre 2011 si registrò questa denuncia (http://blog.libero.it/ValledelCedrino/10701679.html) di un accurato scavo del nuraghe Linnarta da parte di una banda di tombaroli. Questa sotto è  l’immagine ricavata dal geoportale in costruzione da cui si evince la disposizione dei nuraghi a controllo delle foci del Cedrino. E’ facile ipotizzare, peraltro, che gli edifici più belli fossero nel luogo dell’attuale centro storico, a Gollai o nella piazza de Sas Animas, nella quale furono rinvenuti dei reperti immediatamenti ricoperti quando furono realizzati i lavori di pavimentazione.   In conclusione Orosei meriterebbe di più sotto questo aspetto e avrebbe tutte le potenzialità per offrire intrattenimenti culturali e archeologici di gran pregio e veramente identitari.