Il pane e le stelle

pubblicato in: Senza categoria | 0
Share

di Giorgio Valdès

Un tempo la semina, il raccolto, la vinificazione e le varie attività della vita quotidiana seguivano i percorsi del sole e della luna, lo sfavillio delle stelle e i ritmi del cielo. Così era anche per la panificazione, così descritta nei “brebus”: “Castia is istellas de xelu et si ddui bisi s’istella de azrajiu sighendi su soli, curri aintru a pighai su frammentu, ka esti s’ora sua”….”non pesis pani si sa stella non est cussa giusta, ka ti bessiri azzimu”….” Non alluasta forru de pani cun linna burda: poni sarmentu, cozzina de olioni et faxis de modizzi cun mazzus de menta, de spiccu, de murta et de facci ponìddi tres fundus de murdeghu….et su pani tada benni unu vantu!” (Guarda le stelle del cielo e se vedi la stella d’acciaio < Sirio> che segue il sole, corri dentro a prendere il lievito, che è la sua ora….non confezionare pane se la stella non è quella giusta, perché ti verrebbe azzimo….non accendere il forno del pane con legna bastarda: metti tralci di vite, radici di corbezzoli, fascine di lentischio con mazzi di menta, di rosmarino, di mirto e di fronte all’imboccatura tre rami di cisto….e il pane ti verrà un vanto!).

Nell’immagine: le “startrails” in uno scatto di Salvatore Serra;