La ruota della preistoria

pubblicato in: Senza categoria | 0
Share

di Giorgio Valdès

Una storiella di Luigi Malerba tradotta da Ilario Delussu: “I cavernicoli erano stanchi di vivere nella preistoria e decisero di promuovere il progresso e la civiltà. Il capo era molto indaffarato quel giorno. Doveva ricevere molti cavernicoli che avevano mangiato funghi avvelenati, altri avevano mangiato l’erba per vedere se erano erbivori, altri ancora avevano mangiato carne per vedere se erano carnivori. Poi arrivarono i cavernicoli che avevano inventato nuovi attrezzi per pelare le patate, per grattugiare, per cuocere i fagioli e per stirare le camicie. Il capo per ognuno di loro aveva parola di lode o d’incoraggiamento e quelli che giudicava meglio dava loro un premio. Si presentò un cavernicolo per mostrare l’invenzione: una cosa rotonda con un buco al centro. Il capo gli ridomandò a cosa serviva. Il cavernicolo gli rispose che serviva per fabbricare carri con le ruote. Il capo indeciso chiamò una folla di saggi che toccarono, guardarono la ruota e si misero tutti a ridere pensando che non servisse a nulla. Così per altri mille anni non si usò la ruota con grave danno per l’umanità.

S’arroda de sa preistoria “Is ominis antigus furiant arroscius de bivi in sa Preistoria e diaici iant decidiu de cambiai is cosas e de fai nasci sa civilidadi. Su Capu de sa bidda fut meda atropelliau sa dia de is atobius. Depiat arriciri is ominis chi iant tastau is ebras e is cadrobinus e chi no si furiant motus ferenaus, po decidi calli callidadis de ebra e de cadrobinu furiant bonas a papai. Apustis iat arriciu is ominis chi iant inbentau ainas noas po limpiai patata, po tratai casu, po coi fasou. Su Capu alabàt e frandigàt a totus e a-i cussus chi ddis minescìat ddis donàt pani, bestiris e prendas. Agoa de totus si fut presentau unu po amostai s’inbentzioni cosa sua: una cosa tunda cun-d unu stampu in mesu. – E ita est? – iat pregontau su Capu. – Est un’arroda. ita srebit? – A fai carrus cun is arrodas. – Su Capu no scirìat e ita decidi. Iat pinnigau unus cantu ominis sabius chi iant castiau e tocau s’arroda, nce dd’iant stichiu unu fusti in su stampu e dd’iant fata girai e a s’acabada si furiant postus a arriri totus impari. Finas su Capu si fut postu a arriri. – S’arroda no srebit a nudda – iat nau a s’acabada, e nc’iat bogau a-i cussu chi dd’iat inbentada. Diaici po atrus mill’annus is ominis antigus chi biviant in is grutas iant fatu de mancu de s’arroda, cun dannu mannu po sa storia e po sa civilidadi “.

Nell’immagine: la grotta Corbeddu di Oliena e l’”archedda” rinvenuta presso il nuraghe Lunghenia di Oschiri