Sardus Pater forever…

pubblicato in: Senza categoria | 0
Share

Agli antichi Greci il destino ha dato il compito di raccontare le leggende, di raccontare il mito, il proprio e quello altrui. Secondo Diodoro Siculo perfino la Via Lattea fu creata dagli Dei. Si trattò dell’effetto di un rigurgito di latte di Erakle in seguito ad un tremendo rutto scappatogli dopo aver succhiato la mammella di Era, moglie di Zeus! Il gigantesco spruzzo inondò in maniera indelebile il cielo.

Da lì nacquero l’immortalità di Eracle e la Via Lattea…l’immenso stradone di stelle nel firmamento.

Dopodiché Ercole, ormai adulto, letteralmente immerso in una delle sue fatiche, mentre si dedicava alla caccia di un leone, s’imbattè nelle 50 figlie del Re della Tespia (città della Beozia), detto Tespio, per l’appunto. Beh, finì che  Ercole le mise tutte e cinquanta incinte. I cittadini della Beozia erano usi e dediti ai giochi amorosi in onore di Eros – dio dell’amore – e loro santo patrono. Sembra tuttavia che Eracle, in quella sola notte trascorsa con le 50 fanciulle, riuscì a generare altrettanti 50 piccoli Tespiadi. Non avendo tempo per occuparsene (aveva ancora tante fatiche da compiere), i bambini vennero affidati a Iolao, nipote e auriga di Erakle che pensò di portarli in Sardegna e, dopo aver popolato la Barbagia dando origine al popolo degli Iliesi o degli Iolaesi, fondare la città di Olbia, detta la Felice.

Secondo Raffaele Pettazzoni, massimo storico italiano delle religioni del secolo scorso, in realtà non esiterebbe nessuna differenza tra Iolao e Sardos, l’eroe piumato figlio di Makeris e corrispondente all’Erakle libico che insegnò ai sardi la pratica dell’agricoltura, ed in particolare, della coltivazione del grano e dell’ulivo . Costui, nella vana speranza di trasformare tutti i sardi da pastori a contadini laboriosi divenne il loro Sardus Pater, unica divinità indigena adorata per tutto il periodo punico e romano. Secondo il succitato storico, Iolaos è figura parallela a Sardos perché al pari di Sardos è personificazione mitica e ed eroica del Sardus Pater.  (Mlqrt R)