Perché cerchiamo ATLANTIDE

pubblicato in: EPICA SARDA, Storytelling | 0
Share

di Antonello Gregorini

Ogni volta che viene pubblicata una notizia sull’argomento Atlantide nascono polemiche.

Non esiste solo Atlandide ma anche Tartesso; così come esiste “l’isola Sacra …nel bel occidente..nel mezzo del Grande Verde (Mediterraneo)”.

Con le migliaia di Domus de Janas e poi le torri che costellano la Sardegna la connessione è immediata.

L’Isola, la Sardegna, per noi certamente sacra, intanto, non se la passa per niente bene, sia per le condizioni dell’ambiente  delle aree sfruttate e abbandonate, sia nelle aree di servitù militare, sia per lo spopolamento dell’interno e della montagna.

La povertà si sta diffondendo con il 56% di giovani disoccupati.

Non sappiamo se la Sardegna sia stata Atlantide ma sappiamo che questa idea modificherebbe in maniera significativa la nostra immagine nel mondo, quindi, l’identità e le nostre prestazioni economiche.

Una identificazione con l’ISOLA SACRA darebbe un maggiore valore identitario della propria terra nelle coscienze dei sardi.

Siamo noi per primi, però, che sembriamo rifiutarla, negli scritti e nei fatti, pur avendone tanto bisogno!