Risultati della ricerca


#immagini: 465

Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
Pozzo sacro presso nuraghe Irru

Risale al secolo XI a.C. Tempio realizzato con conci di calcare isodomi, è un’opera di fine architettura. Le murature esterne sono decorate con delle file di bugne scolpite sui conci. L’acqua viene convogliata nel pozzo attraverso delle canalette e da qui in una vasca esterna.
Ha qualche affinata con il pozzo Predio Canopoli di Perfugas

Comune: NULVI
Prov: Sassari
Autore: Sergio Melis
Codice Geo: NUR1163
> Scheda Geoportale
TORO STANTE

99) TORO STANTE
Nome: toro stante
categoria: animale
Dimensioni: lunghezza 11 cm
Aspetto: il corpo del toro é voluminoso ma allo stesso tempo fluido, mosso, ancora fuso alla base con la piastra quadrangolare di sostegno.
Le zampe sono cortissime e tozze ma ben articolate: quelle anteriori sono dritte e parallele, quelle posteriori sono invece rientrate obliquamente. Chiaramente riconoscibili gli zoccoli bifidi. La coda è girata sulla groppa e termina a riccio. Tra le zampe posteriori sono ben visibili gli attributi maschili dell’animale.
La struttura della testa è piatta, il muso ben caratterizzato, gli occhi a globetto o pastiglia.
Spiccano nella composizione le corna strette e lunghe, protese obliquamente in avanti; terminano con pomelli piatti in sommità.
Intorno alle corna, sulla cervice, si intreccia una fune, “probabilmente il laccio per catturare la preda – dice Lilliu – libera nei vasti pascoli degli altipiani sardi”.
Luogo di ritrovamento: Perfugas (SS), localitá Predio Canòpolo
Residenza attuale: Museo Archeologico di Sassari
Segni particolari: integro
Curiositá: “un amico allevatore sostiene che quando i tori tengono la coda poggiata sul dorso, godono di ottima salute e prestanza fisica”. (A. Farina)
Interessante ipotesi. Dato che molti bronzetti di buoi e tori sono raffigurati con la coda ritorta, l’offerta del bronzetto alla divinità potrebbe essere interpretata come richiesta di salute e forza per l’animale.

Comune: PERFUGAS
Prov:
Autore: Antonello Farina