Risultati della ricerca


#immagini: 48

Santuario nuragico di Santa Vittoria
Santa Vittoria costituisce uno dei più importanti complessi cultuali della Sardegna nuragica. Esteso per più di 3 ettari, è difeso a S/S-O dal dirupo naturale e a N-O da una muraglia che segue il margine roccioso. Il santuario presenta quattro gruppi principali di edifici: i due templi e la "capanna del sacerdote", il "recinto delle feste", il gruppo del recinto del "doppio betilo" e il gruppo est-sud-est
Pozzo sacro di Santa Vittoria
Il tempio a pozzo è il luogo più importante di tutto il santuario, tale da essere riconosciuto per primo e subito oggetto di scavi. Datato al IX secolo a.C. dall'archeologo Anati nel 1985[2], il sito venne costruito con la tecnica ciclopica, la medesima utilizzata per i nuraghi, ma al contrario di questi con pietre molto curate e non sbozzate. . Nell'antichità il tempio era coperto.
Santuario nuragico di Santa Vittoria
Santa Vittoria costituisce uno dei più importanti complessi cultuali della Sardegna nuragica. Esteso per più di 3 ettari, è difeso a S/S-O dal dirupo naturale e a N-O da una muraglia che segue il margine roccioso. Il santuario presenta quattro gruppi principali di edifici: i due templi e la "capanna del sacerdote", il "recinto delle feste", il gruppo del recinto del "doppio betilo" e il gruppo est-sud-est
Domus de Janas S’Acqua ‘e is Dolus
Si trova nei pressi della chiesa campestre di San Pietro a circa un chilometro dal paese. Il suo nome S'Acqua 'e is dolus, che significa "l'acqua dei dolori", da un'antica credenza popolare per cui le acque di questa piccola grotta, hanno dei poteri miracolosi, inoltre una leggenda narra che San Pietro durante un suo viaggio trovò riparo in questa grotticella artificiale dove si mise a pregare per molto tempo, al punto che l'impronta delle ginocchia rimase impressa per sempre nella roccia.
Domus de Janas S’Acqua ‘e is Dolus
Si trova nei pressi della chiesa campestre di San Pietro a circa un chilometro dal paese. Il suo nome S'Acqua 'e is dolus, che significa "l'acqua dei dolori", da un'antica credenza popolare per cui le acque di questa piccola grotta, hanno dei poteri miracolosi, inoltre una leggenda narra che San Pietro durante un suo viaggio trovò riparo in questa grotticella artificiale dove si mise a pregare per molto tempo, al punto che l'impronta delle ginocchia rimase impressa per sempre nella roccia.
Domus de Janas S’Acqua ‘e is Dolus
Si trova nei pressi della chiesa campestre di San Pietro a circa un chilometro dal paese. Il suo nome S'Acqua 'e is dolus, che significa "l'acqua dei dolori", da un'antica credenza popolare per cui le acque di questa piccola grotta, hanno dei poteri miracolosi, inoltre una leggenda narra che San Pietro durante un suo viaggio trovò riparo in questa grotticella artificiale dove si mise a pregare per molto tempo, al punto che l'impronta delle ginocchia rimase impressa per sempre nella roccia.
Nei pressi della Tomba di Giganti Is Concias
Conosciuta anche come "Sa Domu ''e s''Orku", é costituita da blocchi di granito locale ordinati secondo lo "stile ciclopico". Presenta la particolarità unica di essere orientata esattamente verso il Nord. Questa Tomba dei giganti è del tipo con "facciata a filari", tipica delle tombe dei giganti del Sud della Sardegna la facciata e l''esedra, ampia 10 m., sono costruite in muratura megalitica; nell''area sulla destra dell''esedra sono presenti tre "focolari rituali", di forma circolare.
Tomba di Giganti Is Concias
Conosciuta anche come "Sa Domu ''e s''Orku", é costituita da blocchi di granito locale ordinati secondo lo "stile ciclopico". Presenta la particolarità unica di essere orientata esattamente verso il Nord. Questa Tomba dei giganti è del tipo con "facciata a filari", tipica delle tombe dei giganti del Sud della Sardegna la facciata e l''esedra, ampia 10 m., sono costruite in muratura megalitica; nell''area sulla destra dell''esedra sono presenti tre "focolari rituali", di forma circolare.
Tomba di Giganti Is Concias
Conosciuta anche come "Sa Domu ''e s''Orku", é costituita da blocchi di granito locale ordinati secondo lo "stile ciclopico". Presenta la particolarità unica di essere orientata esattamente verso il Nord. Questa Tomba dei giganti è del tipo con "facciata a filari", tipica delle tombe dei giganti del Sud della Sardegna la facciata e l''esedra, ampia 10 m., sono costruite in muratura megalitica; nell''area sulla destra dell''esedra sono presenti tre "focolari rituali", di forma circolare.
Tomba di Giganti Is Concias
Conosciuta anche come "Sa Domu ''e s''Orku", é costituita da blocchi di granito locale ordinati secondo lo "stile ciclopico". Presenta la particolarità unica di essere orientata esattamente verso il Nord. Questa Tomba dei giganti è del tipo con "facciata a filari", tipica delle tombe dei giganti del Sud della Sardegna la facciata e l''esedra, ampia 10 m., sono costruite in muratura megalitica; nell''area sulla destra dell''esedra sono presenti tre "focolari rituali", di forma circolare.
Menu