Risultati della ricerca


#immagini: 21

Tempio monumentale nell’area archeologica di Janna ‘e Pruna
L'edificio sacro principale è arti­colato in due vani: un atrio a pianta sub-rettangolare (dotato originariamen­te di un bancone) probabilmente protetto da un tetto a doppio spiovente ed una cella, accessibile dall'atrio stesso, a pianta circolare e verosimilmente in origine con copertura a tholos (falsa cupola). La cella presenta in posizione centrale i resti di un focolare caratterizzato da varie fa­si di utilizzo e, a ridosso del paramento murario, un bancone-massicciata.
Comune: IRGOLI
Prov: Nuoro
Autore: Mark Dajethy
Codice Geo: NUR12446
> Scheda Geoportale
Tempio monumentale nell’area archeologica di Janna ‘e Pruna
L'edificio sacro principale è arti­colato in due vani: un atrio a pianta sub-rettangolare (dotato originariamen­te di un bancone) probabilmente protetto da un tetto a doppio spiovente ed una cella, accessibile dall'atrio stesso, a pianta circolare e verosimilmente in origine con copertura a tholos (falsa cupola). La cella presenta in posizione centrale i resti di un focolare caratterizzato da varie fa­si di utilizzo e, a ridosso del paramento murario, un bancone-massicciata.
Comune: IRGOLI
Prov: Nuoro
Autore: Mark Dajethy
Codice Geo: NUR12446
> Scheda Geoportale
Domus de janas Calavriche
Il sito archeologico che risale al 3500 circa a.C. è posto in prossimità della strada provinciale , ed è costituito da 3 tombe. La prima, isolata, è stata scavata in un blocco di roccia che si eleva alle spalle di una piccola costruzione; le altre due, ravvicinate tra loro, sono invece situate più a sud in un monolite granitico che costeggia la strada. Tutte e tre le domus de Janas sono di tipo semplice senza anticella e presentano una risega nel portello d'accesso.
Villaggio nuragico e pozzi sacri di Matzanni
Il villaggio comprende tre pozzi sacri e una serie di capanne circolari. Il pozzo meglio conservato si trova nel settore settentrionale dell''area. Costruito con blocchi di scisto locale di medie dimensioni, si addossa a sud-ovest a una parete rocciosa naturale di modeste dimensioni. L''accesso al vano è decentrato rispetto all''asse della tholos. Quest''ultima è franata nella parte settentrionale. L''area antistante il vano d''ingresso è delimitata da una serie di muri curvilinei a diverse quote.
Villaggio nuragico e pozzi sacri di Matzanni
Il villaggio comprende tre pozzi sacri e una serie di capanne circolari. Il pozzo meglio conservato si trova nel settore settentrionale dell''area. Costruito con blocchi di scisto locale di medie dimensioni, si addossa a sud-ovest a una parete rocciosa naturale di modeste dimensioni. L''accesso al vano è decentrato rispetto all''asse della tholos. Quest''ultima è franata nella parte settentrionale. L''area antistante il vano d''ingresso è delimitata da una serie di muri curvilinei a diverse quote.
Villaggio nuragico e pozzi sacri di Matzanni
Il villaggio comprende tre pozzi sacri e una serie di capanne circolari. Il pozzo meglio conservato si trova nel settore settentrionale dell''area. Costruito con blocchi di scisto locale di medie dimensioni, si addossa a sud-ovest a una parete rocciosa naturale di modeste dimensioni. L''accesso al vano è decentrato rispetto all''asse della tholos. Quest''ultima è franata nella parte settentrionale. L''area antistante il vano d''ingresso è delimitata da una serie di muri curvilinei a diverse quote.
Villaggio nuragico e pozzi sacri di Matzanni
Il villaggio comprende tre pozzi sacri e una serie di capanne circolari. Il pozzo meglio conservato si trova nel settore settentrionale dell''area. Costruito con blocchi di scisto locale di medie dimensioni, si addossa a sud-ovest a una parete rocciosa naturale di modeste dimensioni. L''accesso al vano è decentrato rispetto all''asse della tholos. Quest''ultima è franata nella parte settentrionale. L''area antistante il vano d''ingresso è delimitata da una serie di muri curvilinei a diverse quote.
Tomba di giganti Is Concias
Conosciuta anche come "Sa Domu ''e s''Orku", é costituita da blocchi di granito locale ordinati secondo lo "stile ciclopico". Presenta la particolarità unica di essere orientata esattamente verso il Nord. Questa Tomba dei giganti è del tipo con "facciata a filari", tipica delle tombe dei giganti del Sud della Sardegna la facciata e l''esedra, ampia 10 m., sono costruite in muratura megalitica; nell''area sulla destra dell''esedra sono presenti tre "focolari rituali", di forma circolare.
Il Toro o Campanile di Sant’Andrea Priu
Al di sopra del costone che ospita le domus de janas di Sant'Andrea Priu si leva una singolare formazione rocciosa, di circa m 4,40 x 2,50 x 1,90 di altezza, comunemente indicata come Il campanile. Da molti rinominata il Toro sacro per via della forma simile a quella del corpo di un grosso bovino, non di rado si è pensato ad una monumentale scultura, ora mutilata della testa, eseguita in onore della divinità maschile dei popoli prenuragici. In realtà il celebre "toro sacro" è semplicemente un monolito di trachite in parte modellato dagli agenti atmosferici "ed internamente traforato da una cella ipogeica le cui pareti furono sfondate" (A. Taramelli).
Menu