Risultati della ricerca


#immagini: 72

DONNA ORANTE DI TETI
25) DONNA ORANTE DI TETI Nome: donna orante o donna di Teti con cappuccio Professione: sconosciuta Altezza: 8,5 cm Vestiario e aspetto: indossa una lunga tunica chiusa sul davanti con ampia balza plissettata, una mantellina con frange decorate sulle spalle che copre le braccia sino ai gomiti. Il capo è coperto da un cappuccio facente parte probabilmente della mantellina. Piedi scalzi e informi, leggermente distanziati. Luogo di ritrovamento: TETI (NU), loc. Abini Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: Lilliu descrive nel 1966 il supporto del bronzetto - oggi rimosso: "supporto a forcella che conserva la massa dell'impiombatura". Le braccia sotto il gomito e le falde della mantella sono mancanti. Curiositá: la mantellina, la balza plissettata, il capo coperto ...sono particolari che possiamo ritrovare negli odierni costumi sardi femminili fotografie di G. Exana Per approfondimenti: G. Lilliu "Sculture della Sardegna Nuragica" - ed. ILISSO ( pag. 303)
Comune: TETI
Prov:
Autore: Gerolamo Exana
DONNA CHE OFFRE UNA CIOTOLA
35) DONNA CHE OFFRE UNA CIOTOLA Nome: donna che offre una ciotola Professione: sconosciuta Altezza: 10,4 cm Vestiario e aspetto: testa grande con viso squadrato e lineamenti marcati, sopracciglia in rilievo, naso arcuato, occhi a tondino cerchiato, bocca sottilmente incisa. Un velo sul capo nasconde le orecchie (si intravedono in rilievo) ma lascia scoperta la fronte dove si vedono i capelli spartiti in due bande da una scriminatura mediana. Il corpo sottilissimo è coperto da una lunga tunica aperta davanti, forse chiusa da bottoni non visibili, con strette balze inferiori che terminano con una zona più larga ornata con frange o pieghe della veste. La donna è infine avvolta in un mantello ampio con orlo decorato che dalle spalle scende fino alle caviglie e copre le braccia fino ai polsi. Con la mano sinistra porge una grossa ciotola molto incavata e segnata da incisioni che si irraggiano dal fondo all'orlo; il braccio destro è ridotto a un moncherino....forse porgeva il saluto devozionale Luogo di ritrovamento: Serri (NU) loc. Santa Vittoria, dal recinto circolare con sedile n.5 (pianta di G.Lilliu in "Civiltá", 1963, pag. 206, figurati. 43), destinato forse alla raccolta o vendita di ex voto Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: piedi e parte del braccio destro mancanti; rotti i tratti dell'orlo inferiore del mantello fotografie G. Exana Per approfondimenti: pag.219-220, "Sculture della Sardegna Nuragica" - G. Lilliu
Comune: SERRI
Prov:
Autore: Gerolamo Exana
DONNA CHE RECA SUL CAPO UNA CESTA CON DONI
36) DONNA CHE RECA SUL CAPO UNA CESTA CON DONI Nome: donna che reca sul capo una cesta con doni Professione: sconosciuta Altezza: 9,5 cm Vestiario e aspetto: La donna indossa una veste semplice lunga fino alle caviglie e stretta in vita che scende a campana. Ha una testa a capocchia, occhi a tondino incavato, bocca ampia e cava (un sorriso?), orecchie a sventola. Sul capo porta una cesta sferica di paglia intrecciata all'interno della quale si distinguono nettamente 3 oggetti disposti a trifoglio che emergono dal l'orlo del recipiente. Potrebbero essere - secondo Lilliu - focacce di pasta al miele, oppure tortelle miste di ricotta formaggio fresco ed erbe aromatiche. Luogo di ritrovamento: Villasor (CA), loc. sconosciuta Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: rotto il braccio destro negli anni '60 (era però ancora visibile in una fotografia del 1956); mancanti anche il braccio sinistro e le gambe alle caviglie Curiositá: ancora una volta grazie SOLO a una fotografia precedente, Lilliu può descrivere in modo completo i gesti rappresentati nel bronzetto: il braccio destro afferra, con una mano appena abbozzata, l'orlo del canestro mentre il braccio sinistro è sollevato col gomito piegato e porge il saluto rituale che accompagna la preghiera e l'offerta alla divinità. L'offerta viene così descritta da Lilliu: "dolciumi di civiltà pastorale e contadina preparati nell'intimità sacra della casa dalle donne e cose sacre, in un certo senso; essi stessi perché fatti soltanto in occasioni solenni" fotografia di F. Cannas Per approfondimenti: G. Lilliu "Sculture della Sardegna Nuragica" - ed. ILISSO ( pag. 385-386)
Comune: VILLASOR
Prov:
Autore: F. Cannas
DONNA OFFERENTE DI BONORVA
41) DONNA OFFERENTE DI BONORVA Nome: donna offerente Professione: sconosciuta Altezza: 12,3 cm Vestiario e aspetto: il bronzetto sorge ritto e frontale dal perno di infissione ancora visibile tra i piedi lunghi e sottili. Le due braccia sono protese aperte all'altezza della vita, le mani sono mancanti ma probabilmente reggevano entrambe un ex-voto. Il capo rotondo è coperto da un velo nella parte posteriore mentre la fronte è libera. È presente la solita schematizzazione a T di arcata sopraccigliare e naso, gli occhi sono a globetto, la bocca incisa. La donna indossa tre indumenti: una tunica leggera con una balza frangiata (segnata da rigature verticali e parallele), sopra una veste pesante di lana, infine un manto con collo alto sulle spalle, ripiegato sul davanti in modo da coprire le braccia e lasciare scoperto il corpo in modo da intravedere i globetti del seno. Luogo di ritrovamento: Bonorva (SS), loc. Càntaru Addes (errato Badde Sole) Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: espressione accigliata e assorta. Entrambe le mani sono mancanti. Curiositá: il manto presenta posteriormente decorazioni ornamentali nella metà superiore: quattro zone orizzontali campite da incisioni e riempite da tratteggio verticale spazieggiato. Un gusto decorativo di contenuto lineare che - per Lilliu - non è privo di significato culturale e cronologico (motivi ornamentali a zig-zag e spina di pesce alternati sono presenti ad esempio anche nella parte inferiore della tunica del bronzetto geometrico da Olimpia) fotografie di R.S. Roberto - gruppo fb Viaggio nelle Antichitá della Sardegna Per approfondimenti: G. Lilliu "Sculture della Sardegna Nuragica" - ed. ILISSO
Comune: BONORVA
Prov:
Autore: RS Roberto
DONNA OFFERENTE o CERIMONIANTE
66) DONNA OFFERENTE o CERIMONIANTE Nome: Donna offerente o cerimoniante Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza 12,5 cm Aspetto e vestiario: la lunga veste che ricopre l'intera figura fa pensare che si tratti di una figura femminile, probabilmente una sacerdotessa o una matrona aristocratica. Il personaggio è in piedi: con la mano destra sollevata all'altezza del mento porge il saluto devozionale, con la mano sinistra tiene alzata, quasi in equilibrio precario, una ciotola emisferica. I piedi sono nudi, quasi uniti; le mani sono piccole. Indossa sul capo un tutulo conico che in origine aveva la falda accentuata, ora mancante per rottura (ne resta traccia sul lato posteriore). Il dettaglio che colpisce maggiormente è la "gorgiera di cuoio o di stoffa che imprigiona il collo fino al mento" allargandosi nell'estremità inferiore in una pettorina semicircolare. Il vestito indossato é composto da una tunica stretta lunga fino alle caviglie e da un abito attillato sovrapposto. Sulle spalle è indossato un mantello lungo fino all'orlo inferiore della veste che copre anche le braccia lasciando liberi gli avambracci; esso è decorato nella parte superiore da un'applicazione semicircolare che circonda il collo segnata da larghe incisioni verticali e parallele, al di sotto c'é una fascia decorativa orizzontale con motivo a spighetta. Il volto é spigoloso, con gli zigomi marcati; sulla nuca i capelli sono evidenziati con motivi a spina di pesce; gli occhi sono a grosso bulbo, il taglio della bocca è tenue, le orecchie appena accennate. Sopracciglia e naso sono molto scolpiti. Luogo di ritrovamento: Lanusei (NU), località Funtana Padenti de Baccai, oggi nota come Seleni. Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: la statuina é stata ritrovata in un rudere di nuraghe(?) vicino a un pozzo sacro, insieme a altri bronzetti, a oggetti ornamentali di bronzo e monete di età punica (quindi più tardive). Curiositá: due sono i dettagli curiosi in questo bronzetto. 1) la ciotola è sollevata in modo obliquo, come se si volesse far colare il liquido contenuto (Lilliu propende per un liquido perchè nella ciotola non è rappresentato nessun elemento solido). Ciò fa dunque pensare a una libagione in onore della divinità. In molti popoli ancora oggi è usanza versare del liquido come offerta: i popoli nomadi della Mongolia ad esempio versano del latte a terra con una ciotola prima di un viaggio come rito propiziatorio di buona fortuna o come gesto di accoglienza in caso di arrivo di uno straniero. 2) l'indumento rigido che fascia il collo e sembra quasi soffocare la figura mostra una chiusura alla nuca ottenuta con piccoli lacci segnati da breve tacche e sul davanti intorno al collo e sullo sterno é decorato da una serie di rigature orizzontali sovrapposte concentricamente. Anche se con significato del tutto differente, ricorda un po' i collari indossati ancora oggi da alcune donne appartenenti a etnie tribali della Thailandia (le "donne giraffa"). Fotografia del bronzetto di R.S. Roberto dal gruppo "Viaggio nelle antichità della Sardegna". Descrizione tratta da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO
Comune: LANUSEI
Prov:
Autore:
DONNA OFFERENTE
69) DONNA OFFERENTE Nome: donna offerente Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza 11,7 cm Aspetto e vestiario: la figura femminile é rappresentata frontalmente, dritta su perno bronzeo a fusto cilindrico. Con la mano destra, alzata in avanti col palmo rivolto verso il basso, porge il saluto devozionale; con la mano sinistra regge una ciotola troncoconica ornata all'interno con striature a raggiera. Indossa una lunga veste e una sottoveste, strette lungo i fianchi e allargate all'orlo inferiore. Le braccia sono coperte solo dal manto accollato cadente dalle spalle ai piedi. Sul retro, il manto è decorato nella parte superiore con tre fasce orizzontali limitate da linee incise e riempite da trattini verticali e paralleli tra di loro; il mantello è ornato anche nel risvolto sulle braccia, continuando le bande tratteggiate del dorso. La testa è avvolta, nella metà posteriore, da un velo che scende sulla nuca e si nasconde sotto il manto. Nel viso è molto marcato il naso che sporge a punta; gli occhi risaltano e sono globetto. La bocca, segnata da una breve incisione, accenna al pronunciamento del labbro inferiore sopra il mento sfuggente. Le orecchie sono disegnate con un tenue rilievo sotto il velo. Luogo di ritrovamento: Sardegna, località sconosciuta Residenza attuale: Museo Archeologico di Sassari Segni particolari: per Lilliu questo bronzetto è meno curato rispetto ad altri più distinti e preziosi, forse un prodotto di copia di pezzi migliori, più ricercati e costosi. I piedi, uniti sui talloni e aperti sulle punte malformate, hanno dita abbozzate soltanto nel piede destro mentre il sinistro non è che una placchetta informe. Curiositá: i segni riscontrati sul manto di questo e di altri bronzetti sono davvero solo elementi decorativi o potevano avere un significato differente? Attendiamo il parere degli esperti ? Nel frattempo segnaliamo, a puro titolo informativo, che - secondo alcuni appassionati di alfabeto Ogham (da Wikipedia: trattasi di scrittura che non utilizzava lettere ma incisioni e linee ed era in uso soprattutto per trascrivere antiche lingue celtiche) - questi segni potrebbero essere una vera e propria scritta. Fotografia del bronzetto di B. Auguadro Descrizione e immagini del bronzetto tratte da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO
Comune:
Prov:
Autore: Beatrice Auguadro
DONNA ORANTE CON LUNGHISSIMO COLLO
82) DONNA ORANTE CON LUNGHISSIMO COLLO Nome: donna orante con lunghissimo collo Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza residua 23 cm Aspetto e vestiario: figura femminile raffigurata frontalmente in piedi, nell'atto - forse - di porgere il saluto devozionale con la mano destra (braccio mancante) e l'offerta con la mano sinistra (rotta). Il corpo esile indossa una tunica a balze sovrapposte Colpisce lo stilismo longilineo del collo e la forma della testa con epicranio piatto e allungato. La testa è scoperta, i capelli lisci scendono incorniciando il viso, sciolti sul collo; visibile la scriminatura centrale. Lilliu non ne parla, ma è visibile parte del manto sul lato sinistro. La forma appuntita del tronco con la stilizzazione "cruciforme o spadiforme" del corpo sembra - dice Lilliu - rifarsi all'antica e arcaica geometria mediterranea del III e del II millennio a.C. Luogo di ritrovamento: Terralba (CA), località S'Arrideli Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: molte sono le parti mancanti: piedi, braccio destro, mano sinistra, parte del mantello. Nel libro del 1953 sui bronzetti di Terralba, Lilliu riporta l'immagine del bronzetto prima dei restauri Curiosità: Lilliu sottolinea l'impressionante stilismo longilineo del collo e la forma cruciforme o spadiforme del corpo. Quest'ultima ricorda stilizzazioni del neolitico cretese, cicladico, tessalico, tracico, palestinese, etc. Appare curiosa anche la forma cilindrica della testa: Lilliu fa un accostamento con alcuni teschi dolicocrani nuragici rinvenuti a Seulo e studiati da C. Maxia (1951) NOTA: La DOLICOCEFALIA è una condizione nella quale la scatola cranica assume una forma stretta e allungata in senso antero-posteriore. É una malformazione, ma può essere anche indotta. Una pratica del genere era infatti largamente diffusa nelle civiltà antiche quando, con l’ausilio di fasce o di strumenti rigidi, si usava modellare nel senso della lunghezza il cranio dei neonati, non si sa se nel tentativo di aumentarne le capacità cerebrali o per avvicinarli somaticamente alle divinità. Descrizione e immagine tratte da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO Immagine del bronzetto a destra è tratta da G. Lilliu, "Bronzetti nuragici da Terralba (Cagliari)", 1953 - ringraziamo per la notizia e per l'immagine RS Roberto, gruppo "Viaggi nelle antichità della Sardegna" Le informazioni sulla dolicocefalia sono tratte dal web
Comune: TERRALBA
Prov:
Autore:
DONNA CON COPRICAPO A FALDA LARGA
83) DONNA CON COPRICAPO A FALDA LARGA Nome: donna con "sombrero" Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza residua 8,3 cm Aspetto e vestiario: testa di figura femminile che indossa un cappello a falda larga. In realtà, grazie a Lilliu, abbiamo sia una descrizione sia un'immagine di un altro frammento che componeva il bronzetto. Sappiamo così che la figura femminile indossava: - una tunica attillata, che avvolgeva il corpo e nella zona della vita era stretta da un cordone - un mantello con il risalto divisorio sulle spalle, rilevato in una frangia striata presso l'incollatura sulla nuca Interessante è il copricapo ampio e decorato, detto " a sombrero" da Lilliu, con umbone centrale a cono e fasce concentriche separate da sottili linee incise (6 fasce sopra la falda, 2 fasce all'interno). Il rialzo, fatto dal copricapo, lascia la fronte scoperta e la mette in evidenza. Sotto il cappello la donna mostra un'acconciatura elaborata: sulla fronte i capelli sono raccolti a forma di ciambella; sul collo invece scendono sciolti, lunghi e sono segnati da fitte striature verticali. Nel volto, ovale e stirato, è molto marcato lo schema a T delle sopracciglia tratteggiate e del naso " a forte listello"; gli occhi a grossa mandorla sono incisi e cerchiati dal rialzo delle palpebre; bocca incisa con tocco rapido. Luogo di ritrovamento: Terralba (CA), località S'Arrideli Residenza attuale: Museo Archeologico di Cagliari Segni particolari: il collo è lunghissimo (come nel bronzetto schedato ieri), alla "Modigliani" ? Curiosità: Lilliu segnala che la testa del bronzetto fa parte di un bronzetto spezzato da tempi antichi, del quale si conserva un altro frammento purtroppo non ricongiunto: il tronco, dalla vita in giù, senza i piedi e con un largo tratto del lembo destro di un mantello. Ricomponendo i frammenti si avrebbe uno schema di donna orante, simile ad altri bronzetti femminili. Nel libro del 1953 sui bronzetti di Terralba, Lilliu riporta l'immagine dei due frammenti del bronzetto mai ricomposti: testa e corpo. Descrizione e immagine tratte da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO Immagine del bronzetto con entrambi i frammenti è tratta da G. Lilliu, "Bronzetti nuragici da Terralba (Cagliari)", 1953 - ringraziamo per l'immagine RS Roberto, gruppo "Viaggi nelle antichità della Sardegna"
Comune: TERRALBA
Prov:
Autore:
DONNA OFFERENTE
144) DONNA OFFERENTE Nome: donna offerente Professione: sconosciuta Dimensioni: altezza 18,5 cm Aspetto e vestiario: la donna raffigurata in piedi e frontalmente, con la mano destra alzata porge il consueto saluto devozionale, con la mano sinistra regge l'offerta votiva: una ciotola emisferica contenente quattro oggetti con forma sferica, forse focacce o frutti. La figura femminile indossa: - un velo sul capo che, scendendo sulle spalle, lascia scoperti sulla fronte i capelli, distinti da una scriminatura mediana - una tunica attillata e senza maniche, sobria ed elegante, che si avvolge intorno al corpo con un lembo aperto sul fianco sinistro e fermato sulla spalla forse tramite una fibula; - una cintura sui fianchi segnata con tratteggio verticale - una sottoveste con l'orlo a pieghe verticali lunga sino ai piedi nudi - un mantello rigido sulle spalle che riquadra la figura come un fondale e cade dalle spalle fino all'altezza della balza della sottoveste; sul manto notiamo un lembo verticale che accentua la struttura filiforme del corpo e un "manipolo pieghettato a fini rigature che trattiene presso il gomito sinistro il mantello" dice Lilliu " simile a quello delle frange, a striature sottili, applicate sul dorso del mantello portato dal Capotribù di Uta". Il capo ha forma cilindrica, squadrata e allungata; si nota lo schema a T delle sopracciglia scolpite con intaccature oblique e del naso, gli occhi oblunghi scavati all'intorno, la bocca "ottenuta con taglio curvo da cui sporge il labbro inferiore". Il collo appare tozzo, grosso e sproporzionato rispetto al corpo esile, forse per sottolineare la forza MATRIARCALE e la solennità del personaggio. Luogo di ritrovamento: Sardegna, località sconosciuta Residenza attuale: Museo delle Antichità di Torino Segni particolari: Il bronzetto poggia ancora sul sostegno a tre piedi che di solito veniva incastrato, tramite piombatura, sulla tavola delle offerte. Andrea Loddo però, che si occupa di archeologia sperimentale, ha notato che i tre canali di colaggio della figurina sono privi di piombo, quindi questo prova che il bronzetto non è stato mai posizionato su altare litico, con grappa di piombo e fissato eternamente sugli altari o sulle pietre menir, come al santuario di Serri. Curiosità: Lilliu nota una fortissima somiglianza tra questo bronzetto femminile e altri bronzetti maschili: 1) ai Capotribù, in particolare quello di Abini-Teti, per la forma squadrata della testa e il taglio marcato delle sopracciglia, la forma del manto 2) al guerriero con scudo trovato ad Aidomaggiore, loc. Tuvàmini per il taglio del volto: schema a T, fattezze della bocca, occhi oblunghi Per Lilliu questa figura femminile potrebbe essere "l'altra metà" dei Capitribù: se questi infatti erano Re, Notabili, (Sacerdoti?)... le belle e solenni immagini di donne con manto in posa ieratica potrebbero essere le loro mogli, ovvero signore di notabili .....oppure Sacerdotesse, perchè no? ? NOTA: Questo bronzetto, insieme ad altri 6 è esposto a Torino. "Nel 1840 Alberto della Marmora fece scoprire al Piemonte la preistoria sarda con un libro (Voyage en Sardaigne) e una serie di oggetti per le collezioni reali: soprattutto le armi e le figurine votive in bronzo diventano da allora elementi ricercati per raccolte museali" (dal pannello esplicativo del museo delle Antichità - Torino) Fotografie di B. Auguadro Descrizione tratta da G.Lilliu, "Sculture della Sardegna nuragica", 1966, ed. ILISSO
Comune:
Prov:
Autore:
Donna orante con mantello
32 Figura di donna orante con mantello Bronzo, a 11,4 cm, con condotto di colata 15 cm Sardegna, località sconosciuta. Cultura nuragica VIII- VII sec. a.C. La donna porge in avanti la destra in un atteggiamento di saluto o di preghiera, sta ritta a gambe unite e probabilmente teneva nella sinistra un’offerta sacrificale ora andata perduta. Sopra tre tuniche a lunghezze scalate con gli orli a piegoline o a frange porta una veste con un risvolto che avvolge diagonalmente il busto(non chiaramente visibile) e lascia scoperta la spalla destra; l’orlo esterno della veste è leggermente scostato dal busto. Le spalle e la parte superiore delle braccia sono coperte da un manto che nella parte posteriore è ornato con due strisce, una larga ed una stretta, con motivo a spina di pesce. Il capo è coperto da un velo. Grandi occhi rotondi e contornati, un naso lungo sottile e diritto su una piccola bocca sono le caratteristiche del viso lungo e affusolato. La mano destra è sproporzionatamente grande. Una tipologia simile, soprattutto nella configurazione del volto, la troviamo in due sacerdotesse sacrificanti a Cagliari (G.Lilliu, Sculture della Sardegna nuragica, 1966, nr. 73 e 120). Statuette simili, della stessa tematica abbigliamento affine si trovano anche nei musei di Torino e di Roma (G. Lilliu, op.cit. nr. 75,76) I valori dell’analisi dei metalli dell’istituto di ricerca Rathgen di Berlino (J.Riederer) corrispondono alla lega tipica per i bronzi sardi. Stato di conservazione: manca l’avambraccio sinistro; tra i piedi avanzi del piombo della montatura originaria. Patina verde levigata, con punti di efflorescenza. Letteratura: SKK (Kunst und Kultur Sardiniens, 1980) Nr. 138
Comune:
Prov:
Autore:
Menu